I grandi nomi della crittografia
Luigi Sacco
La crittografia nella I guerra mondiale - La crittografia italiana nella Grande Guerra

DataEventi Luigi Sacco negli anni Cinquanta
1 ago 1883Nasce ad Alba (Cuneo).
1901Entra all'Accademia Militare di Torino.
1911-14In Libia organizza uno dei primi servizi RT (radiotelegrafici) di grande estensione. Collabora con Guglielmo Marconi.
1915All'inizio della guerra comanda la stazione RT di Codroipo (Friuli).
1916E' incaricato dell'istituzione di un Ufficio crittografico presso il Comando Supremo dell'Esercito Italiano.
1916-18Decritta diversi cifrari austro-ungarici (cifrario campale, cifrario diplomatico, cifrari navali).
1919-1935È direttore dell'Officina di radiotelegrafia dell'Arma del Genio a Roma.
1925Pubblica le "Nozioni di crittografia".
1936Pubblica il "Manuale di crittografia", divenuto un classico della letteratura crittografica, e tradotto in francese ed inglese.
1941Progetta (e brevetta) una macchina cifrante, la cui costruzione è affidata alle off. Nistri di Roma; la macchina va purtroppo perduta per eventi bellici prima di poter essere usata.
1947Nuova (e ultima) edizione del "Manuale di Crittografia".
5 Dic 1970Muore a Roma.


Fonti bibliografiche e collegamenti

Valido HTML 4.01!