Storia della crittografiaCifre veneziane | CifrariSovracifratura
Cifra prima di Pietro Partenio (1606)
...

Testo da cifrare (max: 48 lettere) formato :
il
lc
Turco
bp
arma
nn
mo
rr
lte
op
galee
hf
dubi
cn
to
ur
per
zn
Candia
de
1) Primo passo: cifra con il nomenclatore: lc bp nn rr op hf cn ur zn de
Versetto
Dimensione

2) Trasposizione di lc bp nn rr op hf cn ur zn de :
lextuameditatiomeauo
52978063147083542196
lcbpnnrrophfcnurznde
hnduzlcrborcnrfpnpen
Il cifrato lcbpnnrrophfcnurznde viene trascritto lettera per lettera sotto i numeri, ordinatamente a partire dallo 0, da sinistra a destra; quindi la prima lettera l si scrive sotto il primo 0, la seconda lettera c si scrive sotto il secondo 0 (o 1 se ci fosse un solo 0) e così via.
Crittogramma da trasmettere: hnduzlcrborcnrfpnpen
Una cifra composta sostituzione + trasposizione

Nel suo libretto datato 20 giugno 1606, destinato agli studenti dei suoi corsi di crittografia, Pietro Partenio presenta diverse cifre composte in genere da un nomenclatore seguito da una qualche forma di sovracifratura. In questa prima cifra la sovracifratura viene fatta con una trasposizione, cosa insolita per quei tempi, e potrebbe essere la prima di questo genere, entrato in uso solo nel XIX secolo*. Oggigiorno alternare sostituzioni e trasposizioni è la regola per cifre come Feistel, DES ed AES, ma queste sono cifre progettate per essere eseguite da un computer, non da esseri umani.

E per esseri umani, in particolare per i segretari del XVII secolo, la procedura di cifra risultò probabilmente troppo complicata e facile all'errore; e tra le carte dell'archivio veneziano non ho trovato un solo dispaccio diplomatico o militare che usi questa cifra, che resta comunque interessante dal punto di vista teorico.

La procedura di cifra

Il nomenclatore di base è il classico nomenclatore con alfabeto, sillabario e dizionario; ogni cifra è composta da una coppia di lettere come as ap; essendo allora l'alfabeto di 20 lettere, si hanno a disposizione 400 cifre possibili, e quindi un nomenclatore abbastanza corposo (vedi sotto). Non ci sono omofoni o nulle, coerentemente con quanto affermato da Partenio in una sua memoria, che omofoni e nulle sono inutili perché i segretari non essendovi obbligati non li usano o li usano male.

La sovracifratura avviene per mezzo di un versetto da ritenere a memoria; Si scrive il versetto senza spazi e raggruppato per 10 lettere; quindi si scrivono numeri da 0 a 9, sotto le lettere con questo criterio, in ogni blocco da 10 prima si segnano le a, se ce ne sono, cominciando con uno 0* poi si segnano ordinatamente le b, le c e così via, fino a scrivere 10 numeri sotto le dieci lettere; si continua così sotto il secondo blocco da 10, e via di seguito fino alla fine del messaggio.

I numeri così scritti rappresentano la chiave di trasposizione: ora infatti non resta che scrivere le lettere del cifrato seguendo i numeri, come nell'esempio a destra.


Esempio interattivo
Testo da decifrare
Gli spazi vengono automaticamente rimossi.
1) Trasposizione inversa:
Si trascrivono tutte le lettere del cifrato seguendo l'ordine della chiave; quindi come prima lettera si prende quella sopra il primo zero, in questo caso e la copia al primo posto; poi si prende la lettera sotto il secondo zero, in questo caso e la si copia dopo la prima e così via.
5
2) Decifra con nomenclatore: ----

A destra appare l'esempio presentato da Partenio nel suo libro; il messaggio è: "Il Turco arma molte galee dubito per Candia", e il versetto è Lex tua meditatio mea uoluntas tua cordi meo est. Entrambi possono essere modificati nelle finestre in alto a destra.

Nel riquadro a destra in alto vengono mostrati i singoli passi della cifratura: sostituzione con nomenclatore, numeri e trasposizione.

Nel riquadro a destra in basso si può decifrare un qualsiasi cifrato; per esempio copiando e incollando il cifrato ottenuto sopra, si può eseguire la procedura inversa: trasposizione inversa, decifra con il nomenclatore.


Il nomenclatore di base
Alfabeto
spirtquandchlofzgemb
agaoanazaeafamasaharaiaaadalaqabauatacap

Qui a destra il nomenclatore di base, usato per la prima cifratura; come detto si tratta di un sistema a due lettere, ordinato in modo da poter ricostruire alfabeto e sillabario con una chiave mnemonica, che è: spirtquandchlofzgemb; infatti l'alfabeto è cifrato ordinatamente da una coppia di lettere, prima la a, poi la lettera della chiave.


Sillabario
babebibobucacecicocucracrecricrocrudadedidodu
ssspsisrstsqsusasnsdscshslsosfszsgsesmsb
fafefifofufrafrefrifrofrugagegigogugnagnegnignognu
pspppiprptpqpupapnpdpcphplpopfpzpgpepmpb
gragregrigrogruhahehihohuiaieiiioiulalelilolu
isipiiiritiqiuiainidicihilioifizigieimib
mamemimomunaneninonupapepipopupraprepripropru
rsrprirrrtrqrurarnrdrcrhrlrorfrzrgrermrb
quaquequiquoquurarerirorusasesisosuscascesciscoscu
tstptitrtttqtutatntdtcthtltotftztgtetmtb
spaspespispospustastestistostustrastrestristrostrussassessissossu
qsqpqiqrqtqqquqaqnqdqcqhqlqoqfqzqgqeqmqb
tatetitotutratretritrotruuaueuiuouuzazezizozu
usupuiurutuquuuaunuducuhuluoufuzugueumub

Analogamente il sillabario scritto in 7 righe di 4 gruppi di 5 sillabe, in totale quindi 7 righe per 20 colonne; la prima lettera della cifra di una sillaba è quella della riga, la seconda è quella della colonna. In totale alfabeto e sillabe richiedono 160 cifre di due lettere. Ricordando la chiave mnemonica è facile ricostruire anche il sillabario. Una comodità operativa che è anche una debolezza, perché facilita il compito anche al crittanalista.


Dizionario
accio nraccorntalnsalcunnq
ambasciatornuannpapparecchinaarni
armannarsenalndartellariencbailonh
barbarianmbassanlbenchenobiancnf
bilenebiscottinzbisongBressanb
calauriadgCandiadecapitadtchedi
chidrciadsciodpcomedq
commetteducondaconcludednCons.o di Xdd
considedcConstantinopolidmcontedhcorfudb
corrierdlcorsardocosadfcosìdz
dalcsDalmatiaccdebbicidelcp
deliberacrdenaricddesidectdicecq
douecudubicnducacaeffettch
entracleracoeseguicmespedicz
essecgessendoceessercicfetcb
farhpfatthiFiandrahufinhs
formentohrfrancesihqFranzahafusteht
galeehfgaleotihzgeneralhgGenouahb
genteheGermanialsgiahngianizzerihh
giorhdgiuhcglihogolfohl
Grecialpguerrahmhabbialihannolr
hauelthauendolqhei d armiluhei da remola
horalnhormaildillcil chell
il qualloillulfImperatorlzimportalg
inlhInghilterralbinteleItalialm
la qualotle qualoqLegaoalettereon
li qualoultaoslteopltioi
ltoorMaltaozmarolmenteoo
mentoofmiaodmieocMilanog
mioohmunitionoeNapolifenaueff
ndaomndeobndifsndofp
negifznelfhnoiflnonfo
nondimenofgnsafinsefrnsift
nsofqntafuntefantifn
ntofdnzafcognifmondezp
onefbOngariazroperaziordizs
paceztpapazqParigizmParmaze
partizupassazaperznperchézd
perozcpiamentezbpiuzhpoizl
potezopretezfprincipzzprudezg
qualchegsquandogpquella Maestàgrquesta Maestàgi
rdagnrdegdrdigcrdogh
re dei RomanigbRe di FranzaesRe di InghilterraeiRe di Poloniaer
Re di Spagnaepreceggreigareuerege
riagtriegqriogurispoet
Romagmrtaglrtegortigf
rtogzSan ZachariamsSauoiamnScociaml
scriehscriueelscudimdseieq
senatoefsereniezSerenissimo Principeegsiaec
signoreesimmeeosoldatiemSpagnama
spagnoliebstatompsuaeuSua Cath.ma Maestàmu
Sua Cesarea MaestàmtSua SantitàmiSua SerenitàmrSua Xma Maestàmq
subitomhsueeasuffimosuien
suizzerimcsuoedtalmftartaribs
tedeschimmtempomztiamgtioneme
treguambturchibiTurcobpuedebq
uenubruersobguittuagliebtuoibu
uolebaValachibcVallonabhVenetiabl
VeronabfVostra Mag.ciabzVostra SerenitàbnVostra Signoriabd
VrbinboZantebeZarabmzornatabb

Il dizionario segue un ordine simile ma difficilmente memorizzabile; oltre alle 160 tra lettere e sillabe, vi sono infatti 240 parole cifrate, andando quindi a utilizzare tutte le 400 combinazioni di due lettere. Sono peraltro complete le prime serie che iniziano per n e d, venti ciascuna.


Riferimenti bibliografici
Siti e pagine web
X In realtà Partenio inizia da 1 e considera 0 come l'ultima cifra decimale, ordinamento matematicamente strano, ma ancora in uso per esempio sulle tastiere. Qui, per semplificare la procedura, ho preferito iniziare da 0.
X Viene a volte citato come il primo, almeno tra quelli pubblicati, il dizionario di Benoit Brunswick del 1869, citato a fondo pagina tra i riferimenti bibliografici.