Storia della crittografiaCifrariCodici, repertori, dizionariNomenclatori veneziani
Cifra usando un codice/nomenclatore
Decifra messaggi d'archivio

In questa pagina si può cifrare un testo usando una scelta di cifre veneziane tra il 1411 e il 1772. Per confronto sono inserite anche alcune cifre pontificie del XVI secolo tratte dal Meister (collezione Matteo Argenti). Per alcune cifre c'è il link a dispacci reali cifrati con quella cifra.

L'algoritmo di cifra legge ordinatamente il messaggio chiaro e prima di tutto cerca nel dizionario una parola o frase che corrisponda al testo corrente, se non trova nulla cerca nel sillabario, se non trova neanche una sillaba adatta, cerca nell'alfabeto. Se ci sono omofoni ne sceglie uno a caso, usando una funzione random. Questo è del resto l'ordine raccomandato ai segretari*.

L'algoritmo inserisce nulle (o superflue), se previste dal cifrario, a inizio e fine dispaccio, tra lettere uguali (doppie), e a caso con frequenza di circa una volta su 25.

Scrivi qui sotto il testo da cifrare (max 160 car.):


usa il 2022 -

Visualizza cifra come
Cifratura passo passo

s

!

F

!

h
a
V
t
z

F
t
z
e
^

F

d
n
-
d
x
o
S

s
o
O
r
G

m
d
x
i
3
n
-
i
X
d
x
a
*
u
I
o
4
s
=
t
z
r
G
a
0
s
f
i
X

s
g
j
n
-
o
S

h

F
r
G
i
X
a
1
i
X
l
L

m

w
l
L
u
H
s
=
t
z
r
G
i
T
s
f

m

h
s
=
i
3
m
v
a
1

?

h

o

o

p
Testo cifrato da trasmettere: s ! F ! h V z F z ^ F d - x S s O G m x 3 - X x * I 4 = z G 0 f X s j - S h F G X 1 X L m w L H = z G T f m h = 3 v 1 ? h o o p
Cifrario (scontro)
Alfabeto
abcdefghilmnopqrstux
*
0
1
V
q7x+
2
^
gja3
T
X
Lv-4
O
S
96G=
f
z5
H
I
/

Numeri

Nulle
!spomhdcbF?w

Sillabario

Dizionario
con Ket&florentinos@Papa$perP
quo%RegioQ

Riferimenti bibliografici
  • Aloys Meister, Die Geheimschrift Im Dienste Der Papstlichen Kurie Von Ihren Anfängen Bis Zum Ende Des XVI. Jahrhunderts, Ferdinand Schöningh, Paderborn, 1906 → eBook
Siti e pagine web
    X Per esempio all'inizio del libro delle cifre del 1578, di H. di Franceschi.
    • Prima de ualersi delli caratteri che significano dittioni ouero silabbe più che si possa:
    • Secondo, che hauendosi à servuir de simplici lettere, se debbano mutar li caratteri che significano le predette lettere, et massimamente le uocali;
    • Per terzo quando si hauerà da usar le superflue, si debbano metter li carateri che significano esse superflue in mezo le parole tra le consonanti, et le uocali, et massimamente driedo il Q, driedo l’S, il T, L, P et così delle altre che sono più frequenti.
    I sopradetti aduertimenti siano dati à tutti li secretarij od altri, a chi se daranno scontri di ziffre.