Storia della crittografiaCifrariCifrari polialfabetici
Cifra Orchema del Tritemio (1507)
Ave Maria del Tritemio - Tavola Tritemio 1507 - Cifra Orion (NSA)

Immagine ancora non disponibile

Alla fine dei suoi Libri Poligraphiae, dopo la recta tabula l'abate Tritemio propone una variante della tavola, con alfabeti disordinati, sotto il nome di Orchema, derivato dal greco Ορχημα che vuol dire danza, ballo, qui da intendere lettere che ballano, in disordine. Tritemio scrive che si possono generare alfabeti sine numero come a dire, infiniti, innumerabili.

Come si vede nella figura a lato, gli alfabeti successivi sono scritti per colonne alternate chiaro/cifrato, come nelle Ave Maria, dove come cifre comparivano parole o frasi. Nella prima pagina gli alfabeti sono effettivamente disordinati. Nelle pagine seguenti Tritemio propone però un esempio con modi un po' troppo semplici di creare alfabeti di lettere danzanti, per esempio con le lettere di ordine dispari prima delle pari: acegilnprtxz bdfhkmoqsuyw; questi per la verità non sono veramente disordinati, essendo basati su una semplice regola.

In qualche misura qui Tritemio precorre i cifrari one time pad usati nel Novecento, quattro secoli dopo; infatti se, prendendo alla lettera Tritemio, si generasse una serie sine numero, infinita di alfabeti disordinati e cioè casuali, si avrebbe appunto una cifra simile alle one time pad, da usare una sola volta. Ma come si è visto Tritemio ha un'idea un po' vaga di alfabeto disordinato e non chiarisce se debba essere usato una sola volta.

Non si sa se Orchema sia stato usato nel XVI secolo, certo ebbe molto meno risonanza e fortuna della più semplice Recta Tabula.

Un revival novecentesco: cifra ORION

Viceversa nella seconda metà del XX secolo fu usata dagli americani della NSA una cifra ORION, che ricorda molto questa ma che richiede alfabeti veramente disordinati, senza alcuna regola ...insomma un vero OTP.

Procedura di decifra

Per decifrare si segue la procedura inversa. Scritto il crittogramma si cercano le sue lettere nella prima colonna, poi nella seconda ...:

Sicurezza della cifra

Riferimenti bibliografici
X
X
X

Latino : In praesente Orchemate multiplex traditur alphabetum per transpositionem & saltum tam norma ordinis quam positione literarum. Quae omnia sufficiunt pro exemplo his qui locatis non possunt esse contenti, ut modum habeant & formam quasi restant inveniendi, quia sine numero possunt variari, ut frequens orchematis expansio clarè docet.

Italiano: Nella presente Orchema l'alfabeto viene trasformato in molti modi per spostamento e salto sia per ordinamento sia per posizione delle lettere. Le quali tutte sono sufficienti per l'esempio a quelli che non possono essere qui contenuti, sicché abbiano modo e forma che restino da essere trovati, perché possono essere variati senza limite, siccome la frequente espansione di Orchema chiaramente mostra.