Storia della crittografiaLa crittografia nella Grande GuerraLa crittografia italiana nella Grande Guerra
Il taccuino di Luigi Sacco luglio-novembre 1916
Luigi Sacco
Galleria
Galleria immagini, doppio clic per vedere l`immagine originale

Tra le carte ritrovate nel suo appartamento romano dopo la morte avvenuta il 5 dicembre 1970, è di particolare interesse questo taccuino datato luglio 1916 come appare nella prima pagina riportata a lato. Intitolato "Esercizi di criptografia" con sottotitolo "Dal Kerchoff al Valerio", a una prima scorsa delle prime pagine sembra proprio e solo questo, una raccolta di esercitazioni tratte dai due manuali citati, che dovettero essere tra le prime fonti di cultura crittografica per Sacco che era un grosso esperto di radiotelegrafia e radio-goniometria e che le circostanze della guerra avevano portato a occuparsi di crittografia.

Questo portò in un primo tempo chi scrive a sottovalutare l'interesse del libricino; considerazioni teoriche, esercitazioni ed esempi tratti da due noti manuali, niente di particolarmente originale, sembrava più che altro un quaderno di appunti che accompagnava la lettura di quei due manuali.

In realtà già a partire dalla pagina 16 (numero progressivo, le pagine non hanno numero, occasionalmente hanno la data, sempre del 1916) intitolata "Cifrario AU" cominciano a comparire anche ipotesi sui cifrari austro-ungarici e, più avanti, crittogrammi con decrittazione descritta con maggiore o minore dettaglio, che si stanno dimostrando di notevole interesse.

In questa pagina raccolgo un indice delle pagine già analizzate. Lavori in corso!



Riferimenti bibliografici